Terios Story

La Daihatsu Terios è un SUV compatto costruito dalla Daihatsu fin dal 1997. Presentato nei vari mercati sotto diversi nomi, rappresenta il modello destinato a sostituire la [… Feroza …].

TERIOS 1ª serie – 1997/2005

La prima serie fu prodotta dal 1997 al 2005, e commercializzata con diversi nomi e marchi: Toyota Cami Dario Terios (in Cina), Daihatsu Taruna (in Indonesia), Perodua Kembara (in Malaysia).

In Cina viene anche prodotto lo “Zotye RX6400” che sembra una copia di questa serie della Terios.
Anche in India viene prodotta la “Premier RiO“, copia in versione Turbo Diesel ma 2wd
.

La prima serie era disponibile sempre con carrozzeria 5 porte con tre differenti allestimenti la versione SX la più completa, la CX e la versione DB denominata “Autocarro”, la motorizzazione era unica (1.3 CV) ma nel tempo in due diverse evoluzioni.

Le motorizzazioni prodotte sono state tre, le prime due per il mercato europeo, la terza per il mercato asiatico e paesi latini:

 

  • J100 – prodotta dal 1997 al 1999, Motore “HC-EJ” SOHC 1295cc 16v, potenza massima 83Cv a 6500rpm. 107m circa di coppia massima a 5000rpm, Distribuzione a Cinghia.
  • J102 – prodotta dal 2000 al 2005, Motore “K3-VE” DOHC 1297cc 16v, potenza massima 86Cv a 6000rpm, 120Nm circa di coppia massima a 3200rpm, Distribuzione a catena.
  • J102T – prodotta per il mercato extra europeo dal 2000 al 2005, Motore “K3-VET” DOHC 1297cc 16v, potenza massima 138Cv a 6400rpm, coppia massima 176Mn circa a 3200rpm, Turbo With Intercooler.

TERIOS – IANNO

DB – CX – SX – SXA – 1997 – 1999  
DB – CX – SX – SXA – 2000 – 2005

TERIOS – 2ª serie – 2006/2008

La seconda serie è venduta dal 2006 con diversi nomi: oltre a Daihatsu Terios, Daihatsu Bego (in Giappone e Cina), Toyota Rush e Perodua Nautica (in Malaysia).

Oltre al 1.3 si è aggiunto un nuovo motore: un 1.5 da 105 CV. Grazie alle dimensioni compatte è molto agile in città e non ha perso le sue doti fuoristradistiche, grazie alla trazione integrale se la cava discretamente anche nel fuoristrada.

La trazione integrale come nella precedente versione è permanente con la possibilità di inserire il blocco del differenziale centrale.

La Terios nata come SUV, ha però delle caratteristiche che la rendono simile alle jeep classiche, infatti si possono vedere dei notevoli angli d’attacco, dosso e uscita, supportati da una discreta altezza da terra di ben 20 cm.

Nel 2008 è stata sottoposta ai crash test dell’EuroNCAP, ottenendo il punteggio di quattro stelle per quanto riguarda la sicurezza automobilistica.

 

 

VERSIONI ELABORATE

Al Salone di Parigi Daihatsu ha presentato il suo piccolo fuoristrada Terios in versione Sport Concept.

Con una lunghezza di 3650 mm Terios ha dimensioni sufficientemente ampie per risultare versatile e a suo agio anche nel ciclo urbano.

Questa versione Sport aggiunge all’allestimento standard un carattere decisamente accattivante, sottolineato da dettagli che raramente troviamo in auto di questo segmento.

Subito spiccano nella vista laterale gli abbondanti cerchi in lega da 18” calzanti gomme ribassate 225/50, una scelta che, unita ad un’altezza da terra molto ridotta, imporrebbe un utilizzo prettamente stradale della vettura.

Oltre colorazione rosso acceso scelta come tinta esterna di carrozzeria, questo suv compatto sfoggia anche spoiler anteriori e posteriori, un novo paraurti frontale con una griglia del radiatore modificata e interni con volante sportivo, sedili sportivi e finiture in alluminio.

Sotto il cofano questa Terios Sport adotta il noto 1,5 litri 4 cilindri benzina della versione standard, qui modificato fino alla potenza massima di 130 cv a 7.000 giri/minuto e 140 Nm di coppia disponibili a 4.400 giri/minuto. La trazione è integrale e la trasmissione è manuale a 5 rapporti.

Daihatsu non ha ancora deciso se produrre in serie Terios Sport, ma nel caso procedesse l’equipaggiamento di questo fuoristrada compatto sarebbe molto completo anche se, contrariamente alle politiche recentemente intraprese da molti Costruttori, il VSC (controllo della stabilità) sarebbe comunque optional…

10 Ottobre 2006
by Andrea Farina


tratto dal Sito OmmiAuto.it